Contenuto Principale
Assisi 2012: perché esserci PDF Stampa E-mail
Notizie Comitato Nazionale
Sabato 10 Novembre 2012 01:47

Delineato il programma di Assisi 2012, l'appuntamento associativo, cui ci si può iscrivere entro il 22 novembre, attraverso l’apposito modulo.

Avrà San Francesco al centro il Meeting che il Centro Sportivo Italiano si prepara a vivere ad Assisi dal 7 al 9 dicembre. Se proporre nella cittadina umbra l’incontro nazionale per soci e dirigenti nei giorni a ridosso della festa dell’Immacolata è ormai una tradizione per il Csi, quest’anno la spiritualità francescana sarà qualcosa di più di un’atmosfera da cui farsi avvolgere e commuovere.

Se il tema generale dell’evento è - sulla scia dell’iniziativa “Per Sport”, il progetto promosso dal Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali – ancora quel “Giocare per credere” che costituisce l’impegno dell’Associazione per il quadriennio 2012-2016, esprimendo la volontà di fare dell’esperienza sportiva un’attività capace di dare senso alla vita dei giovani e accompagnarli alla scoperta o alla riscoperta della fede, la sua declinazione passerà ad Assisi attraverso lo sforzo di fare dello spirito francescano l’anima delle scelte di fondo.

Una forzatura? Tutt’altro. C’è davvero poca distanza tra il significato della fraternità francescana che deve affratellare gli uomini e quella sussidiarietà orizzontale – cui il CSI si richiama - che chiede ai cittadini, associati o no, di mettersi a supporto di chi ha bisogno. Cercare e trovare il punto di contatto tra un principio e l’altro diventa allora quasi semplice.

Ad Assisi, ad esempio, sarà l’aforisma di San Francesco “Chi lavora con le sue mani è un lavoratore. Chi lavora con le sue mani e la sua testa è un artigiano. Chi lavora con le sue mani e la sua testa ed il suo cuore è un artista” a ispirare l’incontro di riflessione dei dirigenti territoriali su come diventare per la comunità di riferimento lievito di speranza e di sviluppo. In apertura di Meeting l’intervento di Don Alessio Albertini (nella foto), consulente ecclesiastico nazionale del CSI, avra lo spunto da “Fisico ordinario e splendore eccezionale”.

E ancora, la frase di San Francesco riferita al suo incontro con i lebbrosi, “E partendomi da loro, quello che prima Mi parve amaro si convertì in dolcezza di animo e corpo", sarà il punto di partenza per sviluppare una riflessione su come mettere uno sport ispirato dalla sussidiarietà, votato alla missionarietà, al servizio delle politiche sociali del paese.

Sarà questo un momento cruciale del Meeting, che vedrà impegnati in un dibattito il direttore generale del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, Natale Forlani, il presidente della Fondazione con il Sud, Carlo Borgomeo, e il direttore del settimanale no profit Vita, Riccardo Bonacina. Sorprendente nella sua concretezza e attualità sarà un'altra frase francescana citata nel Meeting: “Cominciate col fare ciò che è necessario, poi ciò che è possibile. E all'improvviso vi sorprenderete a fare l'impossibile”.

È così infatti che sarà introdotta l’esperienza che il CSI ha condotto e sta conducendo ad Haiti, per crearvi un Centro Sportivo Haitiano e dotarlo di alcune indispensabili strutture di gioco e sport destinate ai bambini. Un’esperienza che avrà un testimone eccellente in Jean Roosevelt René, ministro dello Sport dell’isola caraibica. Nel programma anche interventi più squisitamente sportivi come quelli di Emiliano Mondonico (nella foto isolachenoncera.it), una vita sulle panchine di mezza serie A, e di Mauro Berruto, allenatore della nazionale azzurra di pallavolo, che avranno come riferimento "pezzi" della spiritualità francescana.

"Fai attenzione a come pensi e come parli, perché può trasformarsi nella profezia della tua vita" è il pensiero-assist del poverello di Assisi per il "Mondo", mentre la "schiacciata" educativa offerta a Berruto, bronzo con l'Italvolley a Londra 2012 sarà spinta dall'aforisma: "Lo rese campione, guida e araldo della perfezione evangelica", che farà da apripista anche ad un altro Francesco, Franci "Messi" Messori capitano della Nazionale italiana Calcio amputati, la formazione Csi che sarà presentata sul palco di Assisi 2012.

Tratto dal sito www.csi-net.it