Contenuto Principale
Le novità del calcio giovanile 2019/2020
Ultime
Scritto da Segreteria   
Mercoledì 31 Luglio 2019 06:31

 

Lunedì 29 luglio, esattamente diciotto giorni dopo aver presentato la proposta 2019/2020 alle squadre "Open", nella sala "Piazza Duomo" al terzo piano del Pegasus Hotel a Sassari si è registrato il tutto esaurito per conoscere le novità dei campionati riservati agli atleti più giovani.

Davanti a circa 80 persone, espressione di circa 40 società sportive, il presidente Giuseppe Porqueddu e il Coordinatore Tecnico Giovanni Daga hanno illustrato i contenuti riservati alle società sportive che sceglieranno il Centro Sportivo Italiano di Sassari per educare i propri atleti attraverso lo sport. 

«Sono orgoglioso di sottolineare che gran parte di quello che sentirete questa sera - ha detto in esordio il presidente Porqueddu - è frutto del laboratorio di idee chiamato "#scriviamoilfuturo" che proprio in questa sede, lo scorso 17 maggio, ha ospitato dirigenti e allenatori delle società sportive che hanno voluto lasciare un segno tangibile nella programmazione del Csi».

E quindi il punto sulla formazione, le novità radicali sul tesseramento, la necessità di rispettare il Codice Etico e la "pagellina" degli arbitri per alimentare un confronto sempre più autorevole con allenatori e dirigenti e migliorare le performance, soprattutto educative, dei nostri fischietti. La palla è stata passata poi a Giovanni Daga, che ha illustrato il planning della stagione, con tutti gli impegni che le società sportive e le loro famiglie dovranno rispettare da ottobre fino a maggio. In particolare, la novità riguarda le attività complementari dello Sport&Go!, che saranno a ottobre e non più in primavera.

Più severe le modalità per iscrivere le squadre, per arginare il fenomeno rinvii che anche l'anno scorso è risultata una costante fastidiosa. Dal 2019/2020, infatti, prima di confermare l'iscrizione di una squadra la Direzione Tecnica si accerterà che i numeri siano sufficienti per garantire una costante presenza in campo e consentirà la presenza di due squadre della stessa società per esempio in Esordienti a 11 ed Esordienti a 9 solo se in grado di giocare contemporaneamente laddove si presenti questa esigenze di calendario. «Solo così - ha concluso Daga - potremmo limitare le continue problematiche vissute nella scorsa stagione».

A fine serata, momento di consegna delle "storiche" tessere di educatore/allenatore Csi per coloro che hanno concluso il piano triennale di formazione imposto nel 2016 dal Consiglio provinciale. «Per coloro che sono tesserati dal 2016/2017 - ha ricordato il presidente Porqueddu - questo è l'ultimo anno sportivo per acquisire il patentino. Oggi consegnamo queste tessere con un'emozione unica, perché rappresenta un risultato voluto e cercato fin dall'inizio di questo quadriennio olimpico». Per vedere le foto della serata accedi alla pagina Facebook del Csi Sassari