Contenuto Principale
Festa del calcio all'Abinsula Cup
Ultime
Scritto da Segreteria   
Lunedì 11 Settembre 2017 07:31

 

Venerdì 8, sabato 9 e domenica 10 il Comunale di Latte Dolce ha ospitato la 1^ edizione dell'Abinsula Cup Città di Sassari, ormai tradizionale torneo di Calcio giovanile riservato alle categorie Mini, Esordienti, Giovanissimi e Allievi.

La società organizzatrice dell'evento, l'FC Latte Dolce e il suo responsabile Carlo Magli, hanno voluto il Csi quale partner tecnico e arbitrale del torneo che ha coinvolto quasi cinquanta squadre provenienti da tutta l'Isola. 

VENERDI 8 - Si parte con la categoria Esordienti, ultima della Scuola Calcio e strategica per i piani futuri delle società sportive. La maggior parte delle società sportiva ha ripreso a lavorare nei giorni scorsi ma in queste fasce d'età non occorrono certo preparazioni atletiche per dare condizione ai bambini. Si è giocato in un clima bello e costruttivo, tanto fair play sia in campo che sugli spalti, cosa che a noi del Csi piace parecchio. Per la cronaca, in finale l'Alghero/Cagliari ha superato 4-0 la San Paolo. Le altre squadre impegnate sono state: Sassari Calcio Latte Dolce (con tre squadre), Monserrato e Catalunya/Mercede. 

SABATO 9 - Giornata dedicata alla categoria Giovanissimi. Fiore all'occhiello la presenza del Cagliari, che ha presentato un gruppo di ragazzi interessanti, ovviamente selezionati in tutta la regione, che siamo certi farà bene nel campionato di riferimento. I rossoblù hanno giocato e vinto la finale contro la Cantera, alla quale vanno i meriti di aver provato a giocare nonostante le differenze sotto il profilo atletico. Sono scese in campo anche: Sassari Calcio Latte Dolce Academy 03 e due squadre 04, San Paolo Sassari, La Palma Monte Urpinu, Atletico Bono, Ossese, Kosmoto Monastir e Turritana.

DOMENICA 10 - Il maltempo ha dato la tregua che tutti speravano ma senza troppa convinzione, invece anche l'ultima giornata dell'Abinsula Cup si è disputata regolarmente. Due categorie in campo, i Mini (eccezionalmente a 8) e ben quindici squadre Allievi, che hanno proposto un livello fisico e tecnico davvero alto per l'intera giornata. Categorie diametralmente opposte da tanti punti di vista, Mini e Allievi hanno dato vita a una giornata divertente e impegnativa.

Nei Mini sono stati applicati i regolamenti che il Csi ha costruito per "cucire" i nostri campionati a misura di bambino (palla che non supera la metà campo e via discorrendo) e sempre in questa categoria ha debuttato una delle pochissime variazioni apportate dalla Direzione Tecnica, vale a dire la linea unica che delimita "area di rispetto" e fuorigioco (da questa stagione, infatti, non saranno più due ma una sola).

In finale l'Alghero ha vinto ai calci di rigore contro la Turritana. Le altre squadre impegnate sono state il Sassari Calcio Latte Dolce, San Paolo, CUS Sassari e il Cagliari.

Negli Allievi, invece, ci sono voluti i tempi supplementari per determinare la squadra prima classificata. Il Latte Dolce, infatti, ha alzato la coppa direttamente consegnata da Andrea Maddau di Abinsula (nella foto in alto), dopo il 2-1 inflitto alla Sigma (premiata invece dal segretario della Direzione Tecnica Csi, Giovanni Daga) in quella che spesso e volentieri sarà poi una delle gare clou nella fase finale dei campionati Figc. Tantissime le squadre iscritte al torneo, ormai pronte all'inizio del campionato: CUS Sassari, San Francesco 01 e 02, Academy Sassari Calcio Latte Dolce, Cantera, La Palma Monte Urpinu, Turritana, Sigma 02, San Paolo Sassari, San Paolo Cagliari, Isola Sant'Antioco, Monserrato e CUS Cagliari.

Volti distesi e soddisfatti a fine serata, nonostante la fatica che comporta gestire un torneo di questo livello. «La nostra soddisfazione è vedere i ragazzi stanchi ma felici - dice Carlo Magli a fire serata -. Ogni edizione cerchiamo di apportare quelle piccole modifiche che servono per alzare il livello della qualità, aspetto che le società sportive cercano in questi eventi. Devo ringraziare il Csi per la professionalità messa in campo con i suoi direttori ma ero certo che, vista la loro esperienza, non sarebbe sorto alcun problema».